RASSEGNA STAMPA

  • RomaToday
  • Corriere.it
  • ATAC - Ultime Notizie
  • 060608.it > Eventi e spettacoli > Mostre
  • 060608.it > Eventi e spettacoli > Visite guidate e didattica
I requisiti richiesti, le patenti necessarie e le mansioni da svolgere per lavorare come autista, una delle figure più...
Si lavora in queste ore al documento. Filtrano le prime indiscrezioni: chiusura notturna più provvedimenti legati alla...
Secondo quanto si apprende, nell'ultimo mese sono aumentate le chiamate al 118 nel Lazio e il 25% di queste riguarda casi di...
L'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato: "Ci aspettiamo un incremento del valore RT soprattutto nelle province...
Sit in dei sindacati fuori dall'assessorato. Verranno ricevuti il 28 ottobre: "Settore in profonda crisi, ci aspettavamo più...
Tg Roma e Lazio, le notizie del 21 ottobre 2020
Il furto in un esercizio commerciale di via delle Case Rosse. Indaga la polizia
Ora gli uffici verificheranno i requisiti dei destinatari. Non è chiaro se le famiglie con i contratti già scaduti, quindi...
Lo stratagemma del 43enne è statao smascherato dagli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale
Si è svolta presso lo Spazio Regione Lazio la presentazione della XVIII Edizione del Roma Videoclip
Il film-documentario di Evgeny Afineevsky tra gli eventi speciali della Festa di Roma. Domani riceverà il Premio Kineo nei...
Quattro i siti potenzialmente idonei individuati dal Campidoglio, che attende un riscontro dalla Regione che a sua volta...
“La squadra può crescere”
"Peccato saltare la prima”
Per ora contro ignoti: denuncia dei familiari. Il pm ha disposto l’autopsia e ha acquisito le cartelle sanitarie
Effettuati 20.505 tamponi, in lieve aumento i ricoveri ordinari (più 30). La nuova ordinanza firmata dal governatore, Nicola Zingaretti, apre la rete sanitaria alla fase 7, quella del massimo potenziamento dell’apparato di emergenza con 2.913 posti totali
In un caso, il mezzo con un paziente a bordo, è rimasto davanti al Pronto soccorso per 13 ore davanti al policlinico Casilino della Capitale
Otto le costruzioni riconducibili all’organizzazione criminale nella zona Romanina. Impegnati circa 100 uomini tra polizia, carabinieri e agenti di Roma Capitale. Sul posto anche la sindaca
Dieci mesi prima ha avuto inizio la tragedia della giovane, uccisa e fatta a pezzi a Macerata il 30 gennaio 2018. La Procura aveva chiesto il doppio della pena
I carabinieri stanno cercando di fare luce su quanto accaduto nel pomeriggio di martedì nella sede di un autonoleggio in via di Santa Cornelia. La vittima aveva 68 anni, a sparargli forse uno dei suoi dipendenti, ora in condizioni disperate in ospedale
In vista della crescita dei malati si adegua la rete ospedaliera per evitarne il collasso. Verifiche per la creazione di uno spoke dedicato a Città di Roma (158 letti). Manifestazione d’interesse per un laboratorio che processi 5mila tamponi al giorno
La madre alla cerimonia per la borsa di studio in nome del giovane ucciso
Perdite disastrose per i commercianti del centro storico. Altre 15 saracinesche abbassate in via della Vite. Mancano i viaggiatori dall’estero e i 400 mila impiegati della zona sono in smart working. Resta il «nodo» dei canoni di locazione
Chiesti 2 anni e 4 mesi per l’allora capogruppo, ora sindaco di Fiumicino. Per gli stessi reati il pm Pioletti ha chiesto di condannare a tre anni Mario Perilli, all’epoca tesoriere
Quindici insegnanti in isolamento su sessanta al Visconti. Appello della preside: non sono positivi, li si autorizzi a insegnare da casa
Il piano straordinario per aumentare i posti letto nella rete ospedaliera del Lazio è un segnale del rapido, progressivo peggioramento della pandemia.
Cerimonia al Quirinale per Alessandro Bellantoni, che nel lockdown portò gratis una bimba malata da Vibo Valentia a Roma. «Caro presidente, deve sapere quanto costa la vita di un disabile. Chiediamo dignità...» «Noi familiari disperati siamo migliaia»
Viaggio nella città: pochi in giro, file al drive-in per i test. Il sindaco Ottaviani vara un monitoraggio su scala locale
Riconvocati De Santis e Belfiori. Acquisite le chat dei quattro amici al bar. La prossima udienza è fissata per il 26 novembre prossimo. Il rischio che si parli del processo in campagna elettorale

da 21/10/20 a 23/01/21

Mattia De Luca Gallery

L’esposizione si propone di ripercorrere il sodalizio creativo fra l’architetto designer Osvaldo Borsani (1911-1985) e il celebre artista Lucio Fontana (1899 -1968) tramite gli esiti materiali più alti di questa collaborazione che hanno visto la luce tra la fine degli anni Quaranta, momento del ritorno di Fontana in Italia, e gli anni Cinquanta. Una mostra immersiva in cui sono esposte opere esemplari di questo periodo, molte delle quali appartenenti alla realizzazione della Casa G., con il fine di ricostruire integralmente all’interno dello spazio espositivo uno dei rari ambienti abitativi creati da Osvaldo Borsani e Lucio Fontana.

da 08/10/20 a 28/10/20

Palazzo Santacroce Aldobrandini (o del Monte di Pietà)

La mostra è aperta al pubblico e gratuita e rappresenta un percorso che ripercorre le tappe della carriera artistica di Moira Orfei tra gioielli e fotografie.

Abiti vistosi, gioielli eccentrici, capelli corvini raccolti a mo’ di turbante, rossetto rosso ciliegia: tutto ciò è stata Moira Orfei. Nata a Codroipo, in provincia di Udine, il 21 dicembre del 1931 in una famiglia di origini sinti, dedita all’arte circense da diverse generazioni, Moira nel 1961 sposa Walter Nones, con il quale ha due figli, Lara e Stefano, che come nella migliore tradizione, vengono battezzati nella gabbia dei leoni.Tanti i successi della coppia Orfei-Nones, primo circo italiano a conquistare, nel 1987, il Clown d’Oro al Festival Internazionale del Circo di Monte Carlo. Ma Moira non si è fermata solo al lavoro del circo recitando in oltre 40 film.Mostra ideata da Alessandro Serena e Aurelio Rota, nell’ambito di Open Circus, progetto di diffusione della cultura circense, esalta l’intensissima vita dell’artista circense, fatta di spettacolo, cinema, riconoscimenti e amore per la famiglia.

da 06/11/20 a 29/11/20

Palazzo Merulana

Prima mostra retrospettiva dedicata all’artista Roberta Meldini, scultrice e disegnatrice protagonista di rilievo nel panorama artistico della seconda metà del Novecento.La mostra, in programma dal 6 al 29 novembre 2020, è a cura di Brigida Mascitti ed è organizzata dall’“Associazione Culturale Roberta Meldini per l’Arte Contemporanea” con i patrocini del Comune di Roma e della Regione Lazio.In esposizione una selezione di oltre 50 opere – 16 tra sculture in bronzo, cemento, e terracotta e 36 tra dipinti, grafica incisoria e disegni a linea continua – rappresentativa della produzione artistica che, partendo dai primi anni ’70, giunge alla fine degli anni ’90 del Novecento, sebbene l’opera omnia dell’artista abbia coperto l’arco cronologico di cinque decenni, dagli anni ’50 ai primi anni 2000.

da 25/09/20 a 25/10/20

Mostra personale a cura di Francesca Pagliaro.

In considerazione del crescente interesse per quartieri romani come Tor Pignattara, la sua street art e le emergenze archeologiche di pregio, si è scelto di dedicare un'esposizione che ne delinea un ritratto dall'interno.Fotografo, giornalista e speleologo, Natalino Russo ha girato il mondo per mare, per terra, tra le nuvole, nelle grotte. Questa volta Russo esplora un quartiere di meno di tre chilometri quadrati, il suo, quello dove abita e ci trova dentro tanti diversi territori dello spazio e dell'umanità. Tor Pignattara ha un'identità tutta sua e chi prova a tracciarne i confini prima o poi si arrende. Le consuetudini, le tradizioni, il mondo di persone, galleggiano in un equilibrio delicato. Senza la pretesa di esaurirlo ma con la voglia di mostrarlo, queste foto raccontano quanto il quartiere sia tutt'altro che periferia ma centro, non solo della città, ma di una bellissima storia.

da 23/10/20 a 29/11/20

Museo dell'Ara Pacis

Mostra dedicata alle più prestigiose sartorie di Costume romane, tra tradizione e sperimentazione, dove l’ispirazione stabilisce una reinvenzione continua del concetto di abito.

Roma entra nel racconto contemporaneo della Moda, mostrandosi come laboratorio progettuale straordinario dove l’alto artigianato convive con l’archivio. Due mondi unici che esprimono la profonda cultura del Made in Italy: la conoscenza e lo studio dell’archivio, insieme all’espressione creativa del nostro comparto artigiano, attraverso arti visive, fotografia, costume e cinema. Una nuova possibilità per la città, che apre i suoi luoghi storici a progetti e iniziative dedicate alla ricerca e alla cultura di moda, fuori dalle sovrastrutture dell’industria, partendo dalle radici artigianali del proprio territorio, per tradurle nel flusso di una contemporaneità digitale e tecnologica.

Una grande mostra dedicata alle più prestigiose sartorie di Costume romane curata dalla storica e critica della moda Clara Tosi Pamphili, rievoca la dimensione dei laboratori atelier in cui si può conoscere da vicino l’aspetto creativo e di ricerca, le tecniche uniche e il savoir faire italiano ed entrare in contatto con gli archivi privati e le collezioni delle sartorie. Annamode, Costumi d’arte - Peruzzi, Farani, Pieroni, Tirelli, luoghi storici frequentati dai più grandi nomi del cinema ma anche da molti stilisti e couturier – per studiare, collaborare o ispirarsi – sono protagonisti di una esposizione ricca di abiti e accessori di diverse epoche. Per la prima volta oltre ai costumi di cinema e teatro, si svela il ricco patrimonio, unico al mondo, di pezzi autentici dalla fine del ‘700 ad oggi, raccolti con cura e passione in quasi un secolo di attività. Pezzi iconici, ma anche bozzetti dell’archivio personale di Gabriele Mayer, foto e video, che rendono visibile il rapporto fra la Moda e il Costume come spunto per l'invenzione di manufatti che vanno oltre il concetto di Moda. Un forte connubio tra artigianato e tradizione che continua ancora oggi e che guarda alle nuove tecnologie e alla sostenibilità ambientale. Una sezione dedicata a Mensura che produce manichini da più di un secolo evidenzia il rapporto fra arte e artigianato con pezzi autentici che vivono al confine tra scultura e manichino.

da 15/10/20 a 15/11/21

MACRO

La mostra fa parte di SUPPLEMENTO, una serie di progetti, espositivi e non, che offrono libere digressioni rispetto ai formati di Museo per l’Immaginazione Preventiva, la cui programmazione parte a dicembre. SUPPLEMENTO continua ad accompagnarla in parallelo, con commissioni speciali e collaborazioni, sia all’interno che al di fuori del museo, esprimendo la sua identità tentacolare.

Il progetto espositivo di Phanos Kyriacou è pensato per gli spazi aperti del cortile centrale del MACRO dove l’artista presenta un nuovo gruppo di lavori. Una comunità di diverse opere concepite come un’unica grande installazione dà modo al visitatore di esplorare le relazioni tra condizioni e stati della materia che caratterizzano il lavoro di Kyriacou.

da 20/10/20 a 29/11/20

Casa del Cinema

#RomaFF15Fondazione 3M celebra Alberto Sordi  nella mostra fotografica “L’umanità fragile  L’esposizione sarà aperta al pubblico dal 20 ottobre al 28 novembre (lunedi – venerdi 16 - 20 sabato e domenica anche 10 – 13) Sarà inaugurata martedì 20 ottobre alla Casa del Cinema la mostra fotografica di Fondazione 3M “L’umanità fragile”, dedicata ad Alberto Sordi. L’esposizione raccoglie le immagini scattate sui set di molti dei film di cui l’attore romano è stato protagonista, facendo emergere la sua abilità nel mettere in scena - attraverso i suoi celebri personaggi – le caratteristiche antropologiche dell’italiano medio dal dopoguerra. Tutte le opere, che rimarranno esposte fino al 28 novembre, appartengono all’archivio di Fondazione 3M, istituzione culturale permanente di ricerca e formazione e proprietaria di uno storico archivio fotografico di oltre 110 mila immagini. La fotografia si dimostra un mezzo di grande efficacia nel sottolineare i gesti, le posture e gli sguardi di Alberto Sordi, permettendo di entrare nel mondo dei suoi personaggi – da Sasà Scimoni, a Ubaldo Impallato, ad Antonio Mombelli – cui sa dare vita con una espressività ogni volta ricca di sfumature diverse, riuscendo a coniugare la dimensione del grottesco a quella del tragico. Dietro lo sguardo severo del maestro di “Bravissimo” e quello baldanzoso del maturo provinciale de “Il diavolo”, le espressioni enfatiche dell’incapace imprenditore de “Il boom” e la normalità tragicamente spiazzata di cui è vittima il protagonista de “Il mafioso”, si nasconde un’umanità fragile che ride anche quando non dovrebbe, fantastica imprese che non porterà a compimento e obbedisce alle direttive borghesi più convenzionali. La mostra “L’umanità fragile” è presentata dal critico di fotografia Prof.Roberto Mutti al seguente link www.fondazione3m.it  nell’ambito della manifestazione Archivi Aperti di Rete Fotografia dal canale YouTube e sulla pagina Facebook di Rete Fotografia. Il tour virtuale della mostra è visualizzato al seguente link: https://1drv.ms/v/s!AsKioGTa6YG4ghEh8vsxQasj7PAX?e=m8cg9X Maggiori informazioni sono disponibili ai siti: http://fondazione3m.it/ La serata fa parte di Romarama, il programma di eventi culturali di Roma Capitale. FONDAZIONE 3M Un’istituzione culturale permanente, snodo di divulgazione e formazione dove scienza e ricerca, arte e cultura, discipline economiche e sociali, vengono approfondite, tutelate, promosse e valorizzate, nella consapevolezza dei valori d'impresa e della cultura dell'innovazione. La Fondazione 3M è proprietaria di un archivio fotografico che si caratterizza per un patrimonio di 110 mila immagini (lastre, cartoline fotografiche, negativi, stampe vintage e riproduzioni), provenienti dalla storica azienda fotografica italiana Ferrania (acquisita negli anni '60 da 3M) e da una serie di donazioni e di acquisizioni avvenute nel tempo e recenti. L’archivio fotografico è stato costituito sistematizzando il ricco patrimonio iconografico raccolto grazie ad un innovativo approccio alla comunicazione istituzionale, alla divulgazione tecnica e tecnologica, nel corso delle vicende aziendali di Ferrania prima e di 3M Italia poi. Fondazione 3M fa parte di: Rete Fotografia, SOS Archivi, Federculture e Woman&Tech. UFFICIO STAMPA 3M – MSL Group

da 18/10/20 a 31/12/20

Hotel NH Collection Palazzo Cinquecento

Mostra dedicata all’artista di fama internazionale Luigi Ballarin, organizzata in collaborazione con la Galleria d’Arte Medina Roma.

Presso la Lobby, lungo tutto il corridoio e all’interno dell’area Food&Beverage al piano terra, l’hotel 5 stelle di NH Hotel Group conduce gli ospiti e i visitatori esterni in un viaggio alla scoperta dell’arte di Luigi Ballarin. Tutte le 23 opere che compongono il percorso “Frammenti bizantini” sono un chiaro rimando a luoghi incantati, tradizioni di popoli antichi e leggende bizantine: caratterizzati da un mix esplosivo di forme e colore, i quadri di Ballarin creano un’atmosfera avvolgente che coinvolge lo spettatore elevandone il pensiero. Da raffinati intarsi dallo stile arabo e motivi geometrici e floreali, nascono forme moderne che si accompagnano a figure di animali, come cavalli, farfalle, pesci. Partendo da qui, tutti i lavori inediti di Luigi Ballarin rendono evidente il forte legame dell’artista con la cultura orientale e, in particolare, con l’aniconismo tipico dell’arte islamica. Nella sua espressione artistica il connubio tra Occidente e Oriente è evidente così come è chiaro in ogni sua opera il rimando alla sua stessa vita tra Venezia, sua città natale, e Istanbul, la città dove ha vissuto.

Vernissage nel pieno rispetto delle norme sul distanziamento sociale, presentato dallo storico dell'arte Costantino d'Orazio.

da 02/10/20 a 10/10/21

MAXXI - Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo

A cura di Pippo Ciorra

Una mostra dedicata a due importanti premi di architettura

In linea con il suo costante impegno nella valorizzazione della qualità architettonica del nostro paese e nella promozione di giovani talenti, il MAXXI promuove e presenta il Premio italiano di Architettura e YAP Rome at MAXXI.

Il Premio italiano di Architettura, quest’anno alla prima edizione, è realizzato in collaborazione con la Triennale Milano ed ha come obiettivo l’individuazione di opere architettoniche di particolare interesse e qualità progettuale realizzate da architetti italiano o attivi in Italia e il riconoscimento di eccellenze italiane che nel corso del tempo hanno lasciato il segno nel panorama architettonico nazionale e internazionale.

I vincitori di quest’anno sono: Z33 House For Contemporary Art, Design And Architecture di Francesca Torzo per il miglior edificio realizzato da architetti italiani o attivi in Italia negli ultimi tre anni; Lucy Styles, miglior progettista under 40 e vincitrice di YAP Rome at MAXXI, e Renzo Piano insignito del premio alla carriera. La giuria ha inoltre assegnato una menzione d’onore a Cino Zucchi per gli Headquarters Lavazza e nominato una shortlist di sei finalisti, a testimonianza dell’altissimo livello dei progetti candidati.

Progetti finalisti: Musée cantonal des Beaux-Arts Lausanne di Barozzi Veiga, Enrico Fermi School di BDR bureau, Tree Hugger – Sede Associazione Turistica/Tourist Information Office di MoDusArchitects, H2OS, l’eco-villaggio anti desertificazione/anti desertification eco-village di studio TAMassociati, Shelter n1 di ECÒL, Simbiosi di Edoardo Tresoldi

Denominatore comune ai due premi è il giovane architetto Lucy Styles il cui progetto Home Sweet Home è stato scelto dalla giuria di YAP Rome at MAXXI e realizzato nella piazza del Museo per l’estate. YAP – Young Architects Program, organizzato dal MAXXI con MoMA e MoMA PS1 di New York, offre ogni due anni ad architetti emergenti la possibilità di realizzare un’installazione temporanea dove poter godere di uno spazio pubblico unico al riparo dal calore estivo e partecipare alle iniziative che si svolgono durante l’estate nella piazza a contatto con la maestosa architettura di Zaha Hadid. Tra le 58 candidature ricevute da tutto il mondo sono stati selezionati i cinque finalisti del premio: Ateliermob (Portogallo), Breathe Earth Collective (Austria), Ecòl (Italia), Gnomone (Italia), Lucy Styles (Inghilterra).

da 02/10/20 a 08/11/20

MAXXI - Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo

A cura di Anne PalopoliIn occasione del decennale dalla scomparsa della studiosa, gallerista e collezionista appassionata, Claudia Gian Ferrari, il MAXXI le rende omaggio con un focus nella sala a lei dedicata.

Il lascito di Claudia Gian Ferrari al Museo rivela alcune costanti nelle dinamiche e nelle scelte della sua collezione costituita tramite il rapporto incessante con artisti, collezionisti, galleristi e connaisseur, con quel sistema dell’arte contemporanea che dagli anni Novanta si è sviluppato in Italia.

La sua casa di Roma, che si affaccia sulla Basilica di Santa Maria Maggiore, era piena di opere, oggetti, sculture e video, molti dei quali esposti in questa occasione, che raccontano, oltre alla sua passione e al suo impegno, un frammento della nostra storia dell’arte. Con l’intenzione di promuovere e diffondere l’arte da lei più amata per renderla accessibile a un pubblico vasto, la Gian Ferrari si è impegnata negli ultimi anni della sua vita, in importanti donazioni tese ad arricchire il patrimonio di diverse collezioni pubbliche, tra cui, quella destinata al MAXXI nel 2010 e costituita da 58 delle opere d’arte contemporanea della sua collezione nella casa romana. Un gesto di grande generosità e fiducia verso un’istituzione che allora muoveva i primi passi.. Arricchisce la donazione la biblioteca privata di Boatto, con alcune rarissime prime edizioni.

da 24/10/20 a 28/11/20

Spazio 5

In programma fino al 28 novembre 2020, con una formula espositiva inedita che si compone di immagini di reportage di grande impatto visivo e approfonditi testi con taglio giornalistico-editoriale, la mostra racconta la storia dell’ONU e del mondo contemporaneo attraverso le vicende che hanno avuto per protagoniste le Nazioni Unite.

L’esposizione fa parte di History & Photography (www.history-and-photography.com), un progetto analogico e digitale che ha per obiettivo raccontare la Storia con la Fotografia (e la Storia della Fotografia) valorizzando e rendendo fruibili al grande pubblico e a scuole e università gli archivi storici fotografici italiani e internazionali, pubblici e privati. La mostra è visitabile anche on line, in slide show manuale, pagando un costo di accesso alla fotogallery delle immagini in esposizione.

da 22/10/20 a 30/11/20

Progetto espositivo ideato da Gianni Politi e realizzato con il sostegno di Ghella SpA, in collaborazione con Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.

Dopo il duro periodo pandemico è diventato per Politi necessario esprimere la forza della città di Roma e del suo fermento culturale. Ha così immaginato di appropriarsi delle Mura Aureliane per esporre le opere di 19 artisti, da lui selezionati nel ruolo di curatore, per costruire un dialogo tra monumento e contemporaneo. Con il patrocinio di MACRO, Museo per l’immaginazione preventiva. Supporto organizzativo di Zètema Progetto Cultura.

Le mura sono quinte di straordinaria bellezza che hanno perso la funzione per cui sono state erette per diventare, in questo progetto, un racconto che esprime la forza della città di Roma e dei suoi movimenti culturali. Un barlume di speranza attraverso un atto di generosità degli artisti.

ARTISTI:

Maurizio Altieri            Emiliano MaggiJosé Angelino             Marta ManciniMicol Assaël               Andrea MautiElisabetta Benassi      NunzioJoanne Burke             Lulù NutiAlessandro Cicoria     Alessandro PiangiamoreStanislao Di Giugno   Gianni PolitiRä di Martino              Pietro RuffoGiuseppe Gallo           Delfina ScarpaVostok Lake   

da 31/10/20 a 12/12/20

Gagosian Gallery

Separatrix, una mostra di nuovi dipinti e opere su carta di Katharina Grosse

Separatrix, prima personale dell’artista a Roma, coincide con la sua importante installazione It Wasn’t Us, attualmente in mostra all’Hamburger Bahnhof-Museum für Gegenwart di Berlino.

Grosse recepisce gli eventi che accadono mentre dipinge, affidando gli spazi e le superfici al caso. L’artista caratterizza il gesto come un segno propulsivo della propria tecnica personale sia negli imponenti dipinti site-specific – dove usa un aerografo per spruzzare colore puro su oggetti, stanze, edifici e perfino su interi paesaggi – che nelle opere su tela, su carta e nelle sculture.

Grosse trascorre diversi mesi l’anno in una remota zona costiera della Nuova Zelanda settentrionale dove ha costruito, nel luglio 2020, un nuovo studio ad hoc. Lì, isolata nella natura, ha iniziato un nuovo corpus di lavori, applicando la spontaneità e l’immediatezza dei suoi “spray painting” alla tecnica dell’acquerello.

Immaginando il foglio bianco come un rilievo topografico, l'artista ha sperimentato la tecnica del wet-on-wet (bagnato-su-bagnato) permettendo a pigmenti vivaci di galleggiare e di mescolarsi sulla superficie, lasciando dietro di sé pozze di colore e fioriture iridescenti. Tornata poi a Berlino, ha trasferito quelli che lei chiama gli “effetti” di questi acquerelli in una serie di dipinti di grandi dimensioni, impostando la tela in orizzontale, aggiungendo acrilici diluiti con il pennello e inclinando poi il supporto per produrre gocciolamenti e correnti multidirezionali come gesto secondario.

da 20/10/20 a 16/01/21

La Fondazione

Claire Fontaine | Pasquarosa | Marinella SenatoreA cura di Pier Paolo Pancotto A un anno circa dalla sua inaugurazione, La Fondazione | Fondazione Nicola Del Roscio propone un nuovo progetto espositivo in occasione della Quadriennale d’arte 2020, che riunisce per la prima volta due presenze del panorama creativo contemporaneo, Claire Fontaine (collettivo artistico fondato nel 2004) e Marinella Senatore (Cava de’ Tirreni, 1977), e una del Novecento, Pasquarosa (Anticoli Corrado [Rm], 1896 – Camaiore [Lu], 1973). L’esposizione pone in dialogo tre interpreti differenti per storia, generazione e cultura, associate da una comune sensibilità verso i temi della libertà individuale, in particolare quella femminile. Orientamento esplicitato da ciascuna di esse con modalità proprie legate, naturalmente, alla loro specifica esperienza personale e professionale ma in grado di presentare inattesi, a volte sorprendenti, punti di convergenza.

da 30/10/20 a 05/11/20

Medina Roma

Mostra di Marcello Perruzza, in arte B-zzar, a cura di Carmelita BrunettiA seguito dell’online exhibit di marzo-aprile 2020, dal 30 ottobre al 5 novembre 2020 presso l’Art Gallery Medina Roma, Volti segnati dal tempo, la mostra fisica e personale di Marcello Perruzza.

L’artista B-zzar, classe 1968, le cui opere sono caratterizzate da una particolare forma di iperrealismo, realizza ritratti esclusivamente con matite di grafite su carta patinata ruvida 200 gr di alta qualità. A far nascere l’amore per il disegno sulla carta è, ironia della sorte, il suo lavoro alla cartiera di Sora in provincia di Frosinone. Gli anni passati fra l’odore della carta e delle colle, non potevano non “svegliare” l’artista dentro di lui. Egli ha scelto di raffigurare le espressioni della fatica del mondo contadino: i solchi delle rughe rimandano metaforicamente ai solchi scavati nei terreni coltivati. Non c’è fatica nei volti rappresentati... piuttosto si percepisce gioia per i frutti del proprio lavoro. L’opera di B-zzar è tesa verso la genuinità del mondo contadino e suggerisce una fascinazione per la relativa vita autentica e non artefatta.

da 07/04/20 a 31/12/20

Museo Napoleonico

Tante attività sul canali social e web del Museo Napoleonico dedicate ai bambini e ragazzi per divertirsi con il progetto Impara l’arte con Bonaparte, in occasione di #laculturaincasa.

Tavole da disegnare e colorare, simpatici quiz, giochi d’intrattenimento per conoscere la famiglia Bonaparte sono le proposte di un percorso che unisce l’aspetto ludico a una missione istruttiva, per iniziare il divertente viaggio alla scoperta di Napoleone e della sua famiglia.

In gallery trovate i materiali da stampare, per poterci lavorare e poi condividere i lavori realizzati sulla pagina Facebook del Museo Napoleonico

da 17/10/20 a 15/11/20

Tempio di Minerva Medica-Horti Liciniani

Gli itinerari d’autunno della Soprintendenza Speciale di Roma, diretta da Daniela Porro, non possono non condurre al cosiddetto Tempio di Minerva Medica. Monumento simbolo dell’Esquilino, caratterizza il paesaggio urbano a ridosso della stazione ferroviaria di Termini. Grazie all’impegno dei funzionari responsabili del monumento, l’archeologa Simona Morretta e l’architetto Alessandra Centroni, è stato realizzato un ciclo di visite guidate adatto a tutte le età dal titolo Apriamo la Minerva!

20/12/20

Museo di Casal de' Pazzi

Visita guidata per famiglie con bambini e ragazzi da 6 a 14 anni.

L’arte diventa un “affare… di famiglia” con SCOPRI CON NOI! iniziative specifiche per esplorare insieme, bambini e adulti, in modo creativo e divertente le meraviglie dei nostri Musei e del nostro patrimonio.

Il ritrovamento di una grande zanna di elefante diede il via, negli anni ’80 del secolo scorso, ad un’indagine archeologica che portò alla luce il tratto di un antico alveo fluviale. Nel giacimento vennero scoperti oltre 2000 reperti faunistici, appartenenti a specie impensabili oggi nella campagna romana come l’elefante antico, l’uro, l’ippopotamo, il rinoceronte. La presenza umana è testimoniata da un frammento di cranio e da oltre 1500 manufatti in selce. Una porzione dell’area di scavo è stata preservata e, dall’alto di una passerella, sono visibili grandi massi arrotondati e resti fossili: zanne lunghe fino a 4 metri, denti, vertebre. Nel corso della visita viene illustrata la storia della formazione e della scoperta del giacimento, ricostruendo l’aspetto del territorio intorno Roma 200.000 anni fa. Nella seconda parte della visita si possono osservare alcuni reperti nelle vetrine ed inoltre manipolare ossa fossilizzate, relative alla fauna dell’epoca, e copie di strumenti in pietra. Inoltre è possibile giocare con la “pleistostation”. La visita si conclude nell’area esterna del museo, dove è possibile osservare, nel giardino pleistocenico, alcune delle piante presenti nel territorio romano durante il pleistocene, guidati da pannelli e specifici cartellini riferiti alle specie presenti.

22/11/20

Museo della Repubblica Romana e della Memoria Garibaldina

Visita guidata per famiglie con bambini e ragazzi da 6 a 14 anni.

L’arte diventa un “affare…di famiglia” con SCOPRI CON NOI! iniziative specifiche per esplorare insieme - bambini e adulti - in modo creativo e divertente le meraviglie dei nostri Musei e del nostro patrimonio.

Costruire l’Italia. Garibaldi e Mazzini a Roma nel 1849 Il percorso si sviluppa lungo le prime sette sale del museo ospitato a Porta San Pancrazio, consentendo un approfondimento dell’esperienza storico-politica della Repubblica Romana del 1849 all’interno di un monumento intimamente connesso con gli avvenimenti narrati. L’antica porta urbica, infatti, fu epicentro degli scontri che videro opporsi sostenitori e nemici della nuova forma di governo insediatasi nella città eterna a seguito della fuga di Pio IX a Gaeta. Nella sua stessa consistenza muraria costituisce dunque testimonianza tangibile della continuità/rottura con la tradizione e la storia della città, che in quella breve parentesi di governo laico all’interno della secolare tradizione del governo temporale dei papi rappresentò un momento quasi visionario di un’Italia ancora là da venire. La vicenda della Repubblica Romana del 1849 fu infatti un breve e rivoluzionario esempio di governo repubblicano di aspirazioni nazionali che, nato sulle ceneri dell’illusione di un papa liberale sensibile alle istanze dell’unificazione della penisola, malgrado la brevità di vita (soli 5 mesi, dal 9 febbraio al 3 luglio 1849) contribuì significativamente a creare i presupposti politici, militari e morali della futura nazione italiana.

13/12/20

Museo Pietro Canonica a Villa Borghese

Visita guidata per famiglie con bambini e ragazzi da 6 a 14 anni.

L’arte diventa un “affare… di famiglia” con SCOPRI CON NOI! iniziative specifiche per esplorare insieme, bambini e adulti, in modo creativo e divertente le meraviglie dei nostri Musei e del nostro patrimonio.

Arte e psicologia. L’artista coglie l’anima del suo soggetto e la traspone nel marmo

La visita si svolge nelle sale espositive al piano terra del museo, dove sono esposti numerosi busti e ritratti scultorei eseguiti da Pietro Canonica (Moncalieri 1869-Roma 1959) per re e regine di tutta Europa, personaggi illustri e grandi uomini politici. Davanti ad alcuni di questi ritratti ci si soffermerà per leggere, attraverso le posture, i gesti e gli atteggiamenti dei personaggi raffigurati, il loro carattere più intimo e la loro psicologia, tanto abilmente trasferita dall’artista nell’opera realizzata. Si scopriranno così i lati nascosti di aristocratici e potenti, che l’artista ha voluto cogliere per tramandarcene la memoria.

06/12/20

Museo Napoleonico

Visita guidata per famiglie con bambini e ragazzi da 6 a 14 anni.

L’arte diventa un “affare… di famiglia” con SCOPRI CON NOI! iniziative specifiche per esplorare insieme, bambini e adulti, in modo creativo e divertente le meraviglie dei nostri Musei e del nostro patrimonio.

Occhio al dettaglio: viaggio visuale ed esperienziale nello spazio-tempo del Museo Napoleonico Il Museo Napoleonico è il luogo ideale per mostrare le mutazioni di gusto e stile che si sono susseguite nel corso dell’Ottocento. Dagli esempi di stile Impero delle sale iniziali a quelli di fine secolo delle ultime sale, il percorso evidenzia quanto l’abbigliamento o l’arredamento si siano trasformati in circa cento anni. L’osservazione attenta e stimolata di arredi, oggetti insoliti ed abiti esposti o raffigurati nei dipinti consente di cogliere differenze e spunti che daranno vita ad affascinanti ed interessanti approfondimenti.

29/11/20

Museo delle Mura

Visita guidata per famiglie con bambini e ragazzi da 6 a 14 anni.

L’arte diventa un “affare… di famiglia” con SCOPRI CON NOI! iniziative specifiche per esplorare insieme, bambini e adulti, in modo creativo e divertente le meraviglie dei nostri Musei e del nostro patrimonio.

Le mura di Roma. Un monumento nella città lungo 19 km Visita al Museo delle Mura, alle strutture della Porta S. Sebastiano e al camminamento recentemente restaurato e riaperto al pubblico. Attraverso i plastici del museo saranno ricostruiti la storia e l’aspetto della struttura difensiva approntata da Aureliano nel III secolo d.C.

15/11/20

Museo di Casal de' Pazzi

Appuntamenti nei Musei alla scoperta del Museo di Casal de' Pazzi. Approfondimenti offerti al pubblico in visita al Museo.

I visitatori del museo possono approfondire, con brevi illustrazioni, la conoscenza del museo gratuitamente e senza obbligo di prenotazione grazie alla presenza di guide nei punti di interesse elencati e negli orari indicati:

- Giardino esterno (in caso di pioggia nello spazio antistante l’ingresso) dalle ore 11.00 alle ore 12.30La storia del Museo di Casal de’ Pazzi dal 1981, anno della scoperta del deposito archeologico databile al tardo Pleistocene Medio, fino alla musealizzazione del 2015. Tra scoperte, restauri e  le ultime campagne di scavo che hanno permesso di rivalutare alcuni aspetti importanti del giacimento. Un viaggio immersivo nell’ultimo sito pleistocenico conservato lungo la bassa valle dell’Aniene.

13/12/20

Museo di Casal de' Pazzi

Appuntamenti nei Musei alla scoperta del Museo di Casal de' Pazzi. Approfondimenti offerti al pubblico in visita al Museo.

I visitatori del museo possono approfondire, con brevi illustrazioni, la conoscenza del museo gratuitamente e senza obbligo di prenotazione grazie alla presenza di guide nei punti di interesse elencati e negli orari indicati:

- Giardino esterno (in caso di pioggia nello spazio antistante l’ingresso) dalle ore 11.00 alle ore 12.30La storia del Museo di Casal de’ Pazzi dal 1981, anno della scoperta del deposito archeologico databile al tardo Pleistocene Medio, fino alla musealizzazione del 2015. Tra scoperte, restauri e  le ultime campagne di scavo che hanno permesso di rivalutare alcuni aspetti importanti del giacimento. Un viaggio immersivo nell’ultimo sito pleistocenico conservato lungo la bassa valle dell’Aniene.

15/11/20

Museo della Repubblica Romana e della Memoria Garibaldina

Appuntamenti nei Musei alla scoperta delle collezioni, dei capolavori e degli edifici che li ospitano. Approfondimenti offerti al pubblico in visita al Museo della Repubblica Romana

I visitatori del museo possono approfondire, con brevi illustrazioni, la conoscenza del museo gratuitamente e senza obbligo di prenotazione grazie alla presenza di guide nei punti di interesse elencati e negli orari indicati:

- Atrio: dalle ore 16.00 alle ore 17.30 Il Museo della Repubblica Romana e Memoria Garibaldina istituito in occasione della ricorrenza del 150° anniversario dell’Unità d’Italia dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, è dedicato alla Repubblica Romana del 1849. La sede all’interno di Porta San Pancrazio costituisce un centro di raccordo con altri luoghi dedicati alla storia del periodo risorgimentale di Roma ed è un punto privilegiato di lettura dell’area storico-monumentale del Gianicolo.

13/12/20

Museo della Repubblica Romana e della Memoria Garibaldina

Appuntamenti nei Musei alla scoperta delle collezioni, dei capolavori e degli edifici che li ospitano. Approfondimenti offerti al pubblico in visita al Museo della Repubblica Romana.

I visitatori del museo possono approfondire, con brevi illustrazioni, la conoscenza del museo gratuitamente e senza obbligo di prenotazione grazie alla presenza di guide nei punti di interesse elencati e negli orari indicati:

- Atrio: dalle ore 16.00 alle ore 17.30 Il Museo della Repubblica Romana e Memoria Garibaldina istituito in occasione della ricorrenza del 150° anniversario dell’Unità d’Italia dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, è dedicato alla Repubblica Romana del 1849. La sede all’interno di Porta San Pancrazio costituisce un centro di raccordo con altri luoghi dedicati alla storia del periodo risorgimentale di Roma ed è un punto privilegiato di lettura dell’area storico-monumentale del Gianicolo.