RASSEGNA STAMPA

  • RomaToday
  • Corriere.it
  • Error
  • 060608.it > Eventi e spettacoli > Mostre
  • 060608.it > Eventi e spettacoli > Visite guidate e didattica
Metro A: stop tra Termini e Anagnina, caos sui bus sostitutivi
Autobus presi d'assalto ed inevitabili assembramenti
Incidente in autostrada: tamponamento tra 3 autotreni, autista estratto dalle lamiere. Due feriti
L'intervento dei vigili del fuoco all'altezza dell'uscita Settebagni
VIDEO | Inclusione e integrazione passano anche da un laboratorio di orto urbano
Il progetto organizzato da Intersos 24, con la collaborazione di Orto 2.0, destinato alle donne in condizioni di difficoltà...
Lozzi a Raggi: "Rifiuti colpa della regione? Montiamo insieme una tenda sotto casa di Zingaretti"
La candidata sindaca di rEvoluzione civica in un video su facebook risponde ad un messaggio whatsapp della sindaca
Barbara d'Urso in tribunale per il processo contro il suo stalker: "Ho paura, ho assunto una guardia del corpo"
Imputato nel procedimento un 36enne che nel 2017 ha sviluppato una vera a propria ossessione per la conduttrice...
Tg Roma e Lazio, le notizie del 23 giugno 2021
Tg Roma e Lazio, le notizie del 23 giugno 2021
Coronavirus a Roma e nel Lazio, il bollettino dei nuovi contagi: i dati del 23 giugno 2021
D'Amato: "È necessario correre più della variante Delta e utilizzare tutti i vaccini a disposizione"
Arriva a Roma il ritratto della Principessa de Beaumont di John Singer Sargent
arriva a roma il ritratto della principessa de beaumont di john singer sargent
Il cielo dalla Bilancia allo Scorpione, lo zodiaco dell’inizio estate
Il cielo dalla Bilancia allo Scorpione, lo zodiaco dell’inizio estate | serata osservativa | 26 giugno 2021
Esquilino, protesta alle case del Comune: "Caccia gli inquilini per far posto a b&b"
La conferenza stampa è stata organizzata da Asia Usb, dal Movimento per il diritto all'abitare e da Noi restiamo: "Fermiamo...
"La partita" si gioca nell'Arena
"La partita" si gioca nell'Arena | ArenAniene | programma
Vaccini nel Lazio, mancano dosi Pfizer: Regione stoppa le somministrazioni per fascia 12-16 anni
D'Amato: "La decisione inevitabile scaturisce da una situazione oggettiva in tutta Italia"
Roma lercia, l'allarme dei medici: "Dopo la pandemia, ora il rischio sanitario per i rifiuti"
L'ordine dei medici scrive a Regione, Comune e Prefetto. L'assessore D'Amato: "Potrebbe esserci un'ordinanza"
New revival, Collezione Sarti
New revival, Collezione Sarti | 1-10 luglio 2021
Il presidente dell’Ordine dei Medici scrive a Zingaretti, alla sindaca, al ministro della Transizione Ecologica e al prefetto. «Si rischia di creare un grave problema di sanità pubblica». La municipalizzata: «Mancano gli impianti». Polemica politica contro Raggi
La conduttrice ha testimoniato a porte chiuse al processo contro Salvatore Fiorello che sostiene di essere suo figlio adottivo: «L’hanno visto sotto casa mia, ho dovuto assumere un bodyguard»
L’assessore alla Sanità regionale: «Correre più della variante». Gli utenti riceveranno un messaggio con la nuova data. Slittano per mancanza di dosi Pfizer le somministrazioni ai 12-16enni. Da venerdì 18 in vigore il certificato vaccinale: cosa sapere
Il rapporto tra positivi e e tamponi allo 0,4%. Regione e medici pediatri lanciano l’allarme: «Le somministrazioni potranno avvenire con regolarità a partire da dopo Ferragosto»
All’udienza del mercoledì il 28enne ligure, premiato anche da Mattarella, che appena può si «trasforma» in supereroe per dare coraggio e strappare un sorriso ai piccoli malati
«Azioni come queste non ci fermeranno. Avanti tutta!»: è il post su Facebook del capogruppo capitolino M5s Giuliano Pacetti e del consigliere Paolo Ferrara
Sia la Regione che il Comune hanno comunicato la volontà di innalzare da subito la quota massima di passeggeri sui mezzi, dal 50 all’80 per cento
Aspettando il Food System Summit, 24 e 25, due giorni di dirette e collegamenti da tutta Italia. Oltre 50 appuntamenti, più di 100 ospiti di livello internazionale, 14 panel tematici
È successo a via di Torrevecchia, all’altezza del civico 815. Il personale medico ha cercato di rianimarlo, ma il giovane è deceduto sul posto
All’uomo vengono contestati due episodi nei quali ha svolto il ruolo d’intermediario per vendere e far rioccupare abusivamente due appartamenti
La vittima, un iracheno di 41 anni, è stato colpito al petto e alla gola. Il suo assassino è fuggito, ma la polizia lo cerca attraverso le telecamere della zona
Il distanziamento non viene garantito, la sorveglianza è inesistente. Marina, sulla banchina della linea B: «A parte un paio di vigilantes davanti ai tornelli, non ho visto nessuno». Adio anche ai volontari della Protezioe civile
Una ditta pagava ad Alessandro Agneni, ex direttore dell’unità d’ingegneria del nosocomio, l’affitto d’una casa e uno «stipendio» mensile di 2.500 euro
Angelo Marinelli, amministratore della Cam: «Speriamo che le detrazioni siano prolungate fino al giugno 2023
Bilancio della Fipe Confcommercio: mancano 15 mila lavoratori. Il presidente Sergio Paolantoni: «Decoro, sicurezza e pulizia, ecco i tre punti per ripartire»

RSS Error: A feed could not be found at `https://www.atac.roma.it/function/rss_news.asp`; the status code is `200` and content-type is `text/html; charset=utf-8`

da 15/06/21 a 10/07/21

MAC Maja Arte Contemporanea

L'occasione della mostra è il ritrovamento di una cartella di opere che il pittore Angelo Titonel (1938-2018) donò, a metà degli anni Novanta, alla figlia allora ventenne.“A mia figlia” è una selezione inedita, intima, di 21 olii su carta, in piccolo e prezioso formato, condivisa per la prima volta al pubblico a distanza di trent’anni.

da 15/06/21 a 17/09/21

Richter Fine Art

Mostra personale di Andrej Dubravsky Andrej Dubravsky torna in Italia con una nuova mostra personale alla Richter Fine Art. Quast’anno l’artista slovacco, classe ’87, presenta una nuova serie di grandi dipinti dal titolo Runner’s High. Secondo un articolo della rivista Scientific American l’effetto "Runner's High comporta: “una sensazione di euforia unita a una ridotta ansia e una ridotta capacità di provare dolore (…) dopo un lungo periodo di esercizio aerobico. Alcune persone sperimentano ciò che è noto come “sballo del corridore”.”Ispirato da questo effetto il pittore presenta nuovi dipinti di grandi dimensioni che ritraggono giovani uomini che corrono in gruppo. Dubravsky tratta temi a lui cari e molto attuali come il cambiamento climatico, l’agricoltura intensiva, l’industria globale, la politica. La pittura di Dubravsky, all’apparenza giocosa e formalmente convenzionale, esplora temi molto più scuri tra cui relazioni intergenerazionali, elementi di sottomissione, complicità, porno; e delicati, come l’omosessualità e l’auto-gratificazione.Attraverso i suoi dipinti sfida gli ideali di natura, sessualità, genere e potere. Da dove scappano questi uomini o ragazzi? Sono solo giovani uomini che si godono l'attività sportiva o sono modelli impegnati in scene di film gay per adulti che lasciano lo spettatore guardare e prima di tutto ammirare i loro corpi? Non è dato sapere. A volte si scorge il logo di un noto brand sportivo sui loro vestiti, altre volte si vede un orologio fitness sui loro polsi che traccia percorsi e parametri corporei. Si può correre anche senza un orologio fitness e scarpe da ginnastica high-tech oggigiorno? D'altra parte, per Andrej Dubravsky la corsa è una metafora. L’artista ci chiede e si chiede se lo stato attuale del mondo non sia solo una sorta di "runner's high" in cui le persone devono solo correre più veloci, lavorare più velocemente e più duramente e fare acquisti velocemente, mangiare velocemente e cambiare i partner sessuali, il sesso e le avventure più velocemente - solo per ridurre l'ansia e abbassare la capacità di provare dolore.La pandemia ci mostra quanto siano vulnerabili le nostre anime quando siamo costretti a rallentare le nostre solite corse. Molti di noi hanno sperimentato un "profondo disagio" di qualcosa che chiamiamo ancora "vita normale”.Dubravsky di solito trascorre la maggior parte del suo tempo nella sua casa nella campagna della Slovacchia e in viaggi, più o meno lunghi in giro per il mondo, proprio come la maggior parte degli artisti professionisti nel XXI secolo. Per ovvie ragioni, negli ultimi 15 mesi si è dovuto fermare in un posto e trascorrere la pandemia e il suo primo periodo invernale nella sua casa di campagna in solitudine, dove produce anche la sua Fanzine mensile ANDREJ, spedita in tutto il mondo, e una serie di piccoli dipinti su tele “riciclate”. Tutti i 12 numeri della rivista ANDREJ sono esposti nella mostra Runner’s High. La rivista ANDREJ è il diario e la piattaforma di Dubravsky in cui l’artista racconta della sua vita privata, del suo lavoro, della pittura, della natura e dell'ambiente che lo circonda.

Dubravsky chiama queste serie di piccole tele "dipinti per la stanza dei bambini". La bellezza spudorata di questi piccoli dipinti di insetti e la dolcezza intenzionata creano un forte contrasto non solo con i dipinti dei corridori, ma soprattutto con la crisi ambientale che sta attraversando il nostro pianeta.

Andrej Dubravsky, nato in Slovacchia nel 1987, si è laureato all’università di Belle Arti e Design di Bratislava (la stessa di Katarina Janeckova). Nonostante la sua giovane età è considerato un artista di straordinario talento e ha ottenuto maggiore riconoscimento internazionale in mostre collettive a New York e in Germania. Più volte ha esposto in mostre personali in Slovacchia, Repubblica Ceca e Germania, è stato rappresentato anche in Italia, Francia e Brasile.

da 21/06/21 a 10/10/21

La Galleria Nazionale d'arte moderna e contemporanea - La GALLERIA

Mostra a cura dell’architetta Izaskun ChinchillaInizialmente prevista per giugno 2020, la mostra abita lo spazio del Salone Centrale del museo con tre complesse strutture monumentali in materiale ecosostenibile, ispirate alle sfere armillari.Attorno a questi luoghi simbolici e attraverso molteplici sotto-sfere, nuove generazioni di architette propongono modelli alternativi di progettare e mettersi in relazione con lo spazio, gli altri esseri umani e il pianeta, formulando riflessioni circa le forme dell’abitare, il co-living e la collaborazione.

da 17/06/21 a 10/09/21

La Nuova Pesa

Mostra del Maestro Vittorio Storaro. Un insieme di immagini della città di Roma -10 le opere fotografiche esposte per la prima volta in Italia, realizzate in doppia esposizione in seno ad uno stesso fotogramma- per dare vita ad un progetto visivo unico, un viaggio nella memoria del tempo. La mostra, a cura di Nestor Saied e Giovanni Storaro, è una continua scoperta culturale su ciò che ha lasciato alla storia la civiltà di ROMA e l'insieme di tutte le civiltà che l'hanno seguita e preceduta, un susseguirsi di immagini ispirate dal pensiero di una luce, dall'immaginazione di un colore, dall'intuizione di un elemento.

da 16/06/21 a 13/01/22

Villa Farnesina

La mostra Il Trittico del Centenario. Leonardo 1919 Raffaello 1920 Dante 1921 propone una rassegna sul gusto e l’estetica che hanno presieduto nel primo dopoguerra alle celebrazioni dei centenari di Leonardo (1919), Raffaello (1920) e Dante (1921).Erano anni in cui il Paese, uscito dalla Grande Guerra, aveva necessità di ricostruire una propria identità nazionale appellandosi anche a un glorioso passato non solo di bellezza, ma di ingegno ed etica e che fosse in grado però di guardare al futuro con spirito di innovazione e cambiamento. Le celebrazioni erano, quindi, non tanto e non solo l’occasione, come ai giorni nostri, per approfondire studi e ricerche ma fonti di ispirazione per gli artisti delle avanguardie e non, e coinvolsero ogni ambito del fare umano arrivando a tutta la popolazione attraverso cartoline, oggetti, mobili, architettura, copertine di riviste e giornali e aprendo la strada a nuovi stili e tendenze che inglobavano e riutilizzavano la lezione dei grandi del passato che si stavano celebrando.

La mostra dedicata ai centenari 1919-1920-1921, allestita al primo piano della Villa Farnesina, è suddivisa in tre sezioni nelle quali sono esposte, accanto a riviste, oggetti e libri d’epoca, opere dei protagonisti dell’arte del Novecento (provenienti da collezioni private) come Carlo Carrà, Giorgio de Chirico, Gino Severini, Mario Sironi, Anselmo Bucci, Achille Funi, Adolfo Wildt, Alberto Martini, Gerardo Dottori, Plinio Nomellini, Cesare Monti, Ottone Rosai, Lucio Fontana oltre alla serie di cartoline disegnate da Ezio Anichini in vista del centenario dantesco del 1921.

da 28/06/21 a 30/06/21

Orto Botanico

L’Associazione Culturale Docendo Discitur con il supporto della Regione Lazio presenta la mostra FIORINARTE a cura di Manuela De Leonardis e con il coordinamento di Raffaella Tiribocchi. Un progetto di arte contemporanea appositamente concepito per sottolineare il dialogo tra i lavori di otto artisti internazionali con le collezioni del Museo Orto Botanico di Roma: Angela Ferrara, Stella Marina Gallas, Laura Giusti, Margherita Grasselli, Reiko Hiramatsu, DaeSoo Kim, Young Kyun Lim e Yasuko Oki. Fonte d’ispirazione primaria nelle loro opere è la natura, vera protagonista di questo percorso artistico incentrato sulla fotografia e sulla ceramica.Nel progetto Mizu no aru fùkei | Paesaggi d’acqua la fotografa Reiko Hiramatsu (è nata nell’Hokkaido, Giappone nel 1958, vive e lavora a Tokyo) indaga il legame profondo tra la dimensione spirituale e quella terrena. La serie, iniziata alla fine del 2019 è continuata durante l’emergenza sanitaria del Covid-19, nella primavera 2020. Hiramatsu ha osservato la forza e la dirompenza della natura: sul fiume Meguro, a Tokyo, ha visto scorrere i petali dei fiori di ciliegio durante la fioritura (sakura), uno spettacolo naturale solitamente accolto con grandi festeggiamenti dal popolo giapponese. Durante la pandemia questa celebrazione ha perso il «rumore» della sua spettacolarità, ma la natura ha mantenuto intatta la «promessa di fioritura»: i petali rosa sulle acque increspate del fiume diventano ancor più un momento di intima riflessione. La natura restituisce un messaggio positivo, quasi una riconciliazione con l’umanità proprio nel lasciar fluire anche le paure più recondite.

da 17/06/21 a 26/06/21

Villa Torlonia

Installazione sonora nel parco di Villa Torlonia all’interno della rassegna d’arte Villa Massimo in città.

L’installazione sonora Opaion, 2021, composta da un lettore multimediale e altoparlanti su stativi, di Gustav Düsing con Katharina Pelosi, rientra nell’ambito di Villa Massimo in città – una rassegna d‘arte nello spazio pubblico e all’interno dell’Accademia Tedesca Roma Villa Massimo dal 17 al 26 giugno 2021 – in collaborazione con Roma Culture, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.

L’opera sonora è collocata nel parco di Villa Torlonia all’interno della sala ipogea denominata “Finta Tomba etrusca”. Il pubblico può ascoltare i suoni riprodotti dal mixer solo dall'esterno, in particolare da sopra la cupola della sala che sbuca con una torretta a fungo, nel piazzale ad est del Casino Nobile.

Il nome Opaion (dal greco: apertura, foro) si riferisce all’oculo con cui si conclude la cupola della stanza segreta di Villa Torlonia, risalente al XIX secolo, ben nascosta sotto un blocco di calcestruzzo e scoperta solo nel 2004, al di sotto del piazzale laterale al Casino Nobile. Con la cupola e il suo oculo, le nicchie e le pitture murali in stile etrusco, la concisa forma circolare, offre la base di una composizione sonora, che è trasmessa nel parco tramite altoparlanti nascosti. Il punto acustico culminante della cupola funge qui da amplificatore naturale rendendo la stanza una cassa di risonanza. L’affinità costruttiva tra musica e architettura è utilizzata per creare uno spazio interno che è celato e mantiene solo tramite il suo opaion centrale il contatto con il mondo esterno.

Note biograficheGustav Düsing, architetto e attualmente vincitore del Premio Roma Villa Massimo 2020/21. Nato nel 1984 a Münster, studia architettura alla Architectural Association School of Architecture di Londra (AA Dipl.). Parallelamente all’attività di architetto e alla partecipazione a molte mostre di arte e architettura, fra le quali la prima Antarctic-Biennale 2017, ha insegnato progettazione sperimentale presso la Technische Universität Braunschweig e la Universität der Künste Berlin come collaboratore scientifico e professore incaricato. Alla ricerca di una possibile futura coesistenza fra architettura e ambiente, esplora la traduzione di fenomeni naturali dello spazio in concetti architettonici, in un’ottica di interdisciplinarità con l’arte. La sperimentazione con luogo, materiale e strumento ha un ruolo chiave nello sviluppo di strutture spaziali, che tematizzano in diversa misura l’artigianato, la produzione di massa industriale e la strumentazione digitale. Gustav Düsing (gustav-duesing.com)

Katharina Pelosi, artista del suono, borsista di Casa Baldi (Accademia Tedesca Roma - Olevano Romano). Nata nel 1983 a Hanau, vive ad Amburgo. Completa gli studi presso l’Institut für Angewandte Theaterwissenschaften di Gießen (istituto per scienze teatrali applicate) e lavora come artista del suono attraverso performance e drammi radiofonici. È stata membro del collegio accademico Performing Citizenship. È cofondatrice di Swoosh Lieu i cui progetti hanno partecipato fra l’altro a Stückemarkt del Berliner Theatertreffen e alla Tanzplattform. Come progettista del suono si contraddistingue per una concezione dell’elemento sonoro come strumento di pari valore all’interno del processo teatrale. Nel suo lavoro si confronta con forme di memoria basate sul suono con lo scopo di sviluppare approcci estetico-formali basati su un discorso femminista e postcoloniale. Katharina Pelosi « Swoosh Lieu

da 09/06/21 a 28/09/21

Auditorium Parco della Musica

Biodivercity è un’installazione di 1000 mq che coniuga arte, natura e architettura, aperta a tutti e pensata per questo spazio. Una città pulsante, da scoprire e da abitare. Il frutto di un dialogo fra l’artista e la sua città ideale che trova il centro nel concetto di diversità, quale pensiero etico di positività in cui ogni essere vivente è capace di dare il meglio di sé. L’uomo con la sua creatività e la natura con tutte le sue forme viventi.È un linguaggio fatto di segni che raccontano un’ordinarietà evoluta, un quotidiano visivamente riconoscibile che si compone con i dettagli di opere dell’arte contemporanea, le viste ravvicinate delle architetture dei grattacieli, le varietà multiformi delle piante.  L’Auditorium conferma così la sua vocazione di avamposto culturale e sceglie di utilizzare nuovi linguaggi, riempire nuovi vuoti e creare luoghi per la gente, proponendo l’arte all’aperto, negli spazi pubbliciIl visitatore è guidato dalle texture architettoniche di grattacieli e dai particolari di 27 opere – da Pollock a Fontana, da Buren a Kusuma – che creano piccoli “appezzamenti” di creatività e suggeriscono percorsi di visita e di esplorazione. Le forme e i colori delle piante - provenienti da luoghi lontanissimi, dai nostri boschi, dalla macchia mediterranea – e scelte dall’architetto del paesaggio Luca Catalano, tracciano lo skyline di questa città immaginaria.

da 11/06/21 a 26/09/21

ETRU - Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia

È un lungo romanzo a capitoli il rapporto di Evgeny Antufiev con il patrimonio archeologico sedimentato nel nostro territorio e presente nei nostri musei. Una fascinazione che Antufiev subisce per la stratificazione segnica e simbolica, per l'eco profondo di antiche storie che continuano a parlarci nelle sale dei musei. Quale migliore sintonia per un artista che da sempre esplora l'idea dell'immortalità e della rigenerazione attraverso archetipi che hanno accompagnato l’esistenza e l’immaginazione umana in una storia senza fine?In questo capitolo l'incontro è con il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, importante custode dell’affascinante e per alcuni ancora misteriosa civiltà etrusca che ha saputo – così come il processo creativo di Antufiev – assorbire e metabolizzare contatti e relazioni con molteplici civiltà (da Oriente ad Occidente, dai Fenici ai Greci, ai Cartaginesi) e ha creato un rapporto peculiare, molto stretto, con le caratteristiche dei singoli territori in cui si è insediata, generando qualcosa di assolutamente nuovo.

da 23/06/21 a 24/10/21

Museo Hendrik Christian Andersen

Mostra a cura di Maria Giuseppina Di Monte e Gabriele Simongini. La mostra è dedicata al tema dell’Atelier che attraverso gli anni si ripresenta nell’opera di Modica con precise variazioni e cambiamenti.L'Atelier è uno spazio privato che appartiene solo all’Artista, è un mondo fatto di luoghi illusori e di pensiero che qui diviene soggetto privilegiato, come si potrà vedere nelle 35 opere che compongono l'intero percorso espositivo.L’Atelier è il luogo di un labirintico intreccio di impressioni del quotidiano e di memorie culturali che prendono forma in oggetti-personaggio: la macchina fotografica, lo specchio, la squadra, il cubo di Dürer e le enigmatiche presenze di Man Ray e, sul fronte dell'attualità, la mostra presenta alcune opere dedicate al dramma dei migranti nel Mediterraneo e alla condizione di solitudine causata dall'attuale pandemia.

da 22/06/21 a 27/02/22

Palazzo delle Esposizioni

Mostra ideata dal Museo Tattile Statale Omero, Comune di Ancona, in collaborazione con Fondazione Chiaravalle Montessori, Associazione Bruno Munari; organizzata dall’Azienda Speciale Palaexpo; promossa da Roma Capitale - Assessorato alla Crescita culturale; con il prezioso contributo dell’Opera Nazionale Montessori.

Il senso del tatto e l’esperienza del bello sono stati duramente colpiti dalle limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria. Accettando una sfida che può sembrare audace, dopo il grande successo al Museo Tattile Statale Omero di Ancona, giunge finalmente al Palazzo delle Esposizioni di Roma, Toccare la bellezza. Maria Montessori Bruno Munari. Nel centenario del Manifesto del tattilismo di Filippo T. Marinetti, la mostra, coordinata nell’edizione romana dal Laboratorio d’arte dell’Azienda Speciale Palaexpo, rimette al centro l’importanza del toccare e il suo valore estetico ed educativo. Un’occasione per conoscere meglio due tra i più illustri protagonisti della cultura italiana moderna, riconosciuti e apprezzati in tutto il mondo e per la prima volta insieme in un’esposizione, attraverso il pensiero e i materiali di Maria Montessori e i progetti e i lavori originali di Bruno Munari. Partiti da esperienze, formazioni e riflessioni differenti, trovano proprio nell’esperienza estetica tattile un possibile punto di incontro.

da 07/06/21 a 04/07/21

Casa del Cinema

Vittorio De Sica – Ieri, oggi e domani Dal 7 giugno al 4 luglio, aperto gratuitamente al pubblico il percorso espositivo che celebra i 120 anni dalla nascita del grande attore e regista. Al via lunedì 7 alle ore 18 con la proiezione del film La ciociara. La Casa del Cinema di Roma è lieta di presentare dal 7 giugno al 4 Luglio 2021 la mostra Vittorio De Sica - Ieri, oggi e domani, realizzata dall'Associazione Teatroantico per celebrare i 120 anni dalla nascita del grande attore e regista. Curata da Giulio D'Ascenzo e Elisabetta Centore, l’esposizione gratuita ripercorre la carriera artistica, sia teatrale che cinematografica, di Vittorio De Sica attraverso locandine teatrali, manifesti, foto buste cinematografiche, immagini, riviste e brochure originali, coprendo un arco temporale che va dal 1923 al 1974, anno della sua scomparsa. Alla presentazione della mostra, fissata per  lunedì 7 giugno alle ore 18, seguirà una proiezione speciale in Sala Deluxe del film di Vittorio De Sica La ciociara del 1960, con Sophia Loren e Jean Paul Belmondo, disponibile grazie alla gentile concessione della Titanus. Vittorio De Sica esordisce in teatro nel 1923 nella Compagnia di Tatiana Pavlova, per poi passare nel 1927 nella compagnia di Luigi Almirante, Sergio Tofano e Giuditta Rissone che sposerà nel 1937 e da cui avrà la figlia Emi, recentemente scomparsa. Nel 1930 Guido Salvini lo chiama, insieme a numerosi altri attori, a far parte della Compagnia ZA BUM, mentre nel 1933 fonda una propria compagnia insieme a Giuditta Rissone e Sergio Tofano. Sarà attivo in teatro fino al 1949. Nel 1932 con Gli uomini, che mascalzoni di Mario Camerini inizia la sua straordinaria attività di attore cinematografico che lo porterà insieme ad Amedeo Nazzari e Gino Cervi ad essere uno dei divi più amati dal grande pubblico. Con Camerini gira anche Darò un milione del 1935 e Il signor Max del 1937. Nel 1940 il produttore Giuseppe Amato lo fa debuttare alla regia con Rose scarlatte, seguono Maddalena zero in condotta dello stesso anno, Teresa Venerdì del 1941 dove si rivela il talento di Anna Magnani, Un garibaldino al convento del 1942. Con I bambini ci guardano del 1943 inizia il sodalizio artistico con Cesare Zavattini che porterà alla nascita di numerosi capolavori come Sciuscià del 1946 e Ladri di biciclette del 1948, entrambi Premi Oscar come Miglior Film Straniero. Ricordiamo inoltre Miracolo a Milano del 1951, Umberto D del 1952, L'oro di Napoli del 1954, La ciociara del 1960 dove conquista l'Oscar per la Migliore Attrice Sophia Loren, Il boom del 1963, Matrimonio all'italiana del 1964 (tratto da Filumena Marturano di Eduardo De Filippo), I girasoli del 1970, Una breve vacanza del 1973. De Sica vincerà altri due Oscar, uno per Ieri, oggi e domani del 1963 e l'altro per Il giardino dei Finzi Contini del 1972. Del 1974 è il suo ultimo film Il viaggio, dalla novella di Luigi Pirandello.  Insieme a Luchino Visconti e Roberto Rossellini è considerato uno dei padri fondatori del Neorealismo. Dall'unione con l'attrice Maria Mercader, sua partner anche nel cinema, nascono i figli Manuel, musicista scomparso nel 2014 e Christian, che seguirà le orme del padre divenendo attore e regista di successo. Nel rispetto delle norme anticovid, l’ingresso agli spazi espositivi Sergio Amidei e Cesare Zavattini è libero e contingentato. Per la proiezione, l’ingresso è gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili, al momento ridotti per garantire il distanziamento di sicurezza tra gli spettatori. La programmazione di Casa del Cinema è promossa da Roma Culture, Dipartimento Attività Culturali.

da 10/06/21 a 15/07/21

Un progetto nuovo fondato sulla libertà d’espressione, museologia di qualità, capacità di coniugare autorevolezza, professionalità e indipendenza: queste sono le basi per affrontare le sfide del Futuro.L’attenzione alle esigenze dei mercati, l’Arteconomy come criterio di sviluppo, una rete di relazioni internazionali e continui rapporti con collezionisti e art dealer, una comunicazione mediatica senza eguali.

Palazzo BorgheseLa sede centrale dell’Esposizione Triennale di Arti Visive a Roma 2021 è lo storico Palazzo Borghese di Roma, all’interno degli eleganti spazi della Galleria del Cembalo, dalle volte affrescate e con splendidi giardini all’italiana. Il Palazzo, che si ammira venendo da via dei Condotti, è anche sede dell’Ambasciata di Spagna e dell’esclusivo Circolo della Caccia.La mostra, a ingresso libero, presso il Palazzo sito in Largo della Fontanella Borghese 19, è visitabile dall'11 giugno fino al 20 giugno dal lunedì al sabato dalle 11 alle 19

Palazzo della CancelleriaNovità assoluta di questa edizione è la speciale “mostra-evento” all’interno di Palazzo della Cancelleria Apostolica, che accoglie la Sacra Rota. Nel palazzo vige l’extra-territorialità della Santa Sede rientrando quindi in suolo vaticano. Sito in Piazza della Cancelleria 1 e affacciato su Corso Vittorio Emanuele II, custodisce nel piano nobile un famoso affresco del Vasari.La mostra, a ingresso libero, presso il Palazzo sito in Piazza della Cancelleria 1, è visitabile dall'11 giugno fino al 20 giugno dal lunedì alla domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19

Biblioteca AngelicaMolto prestigioso lo spazio della Galleria della Biblioteca Angelica, facente parte del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, destinato a focus di carattere esclusivo. Aperta nel 1604, l’Angelica è  considerata nel contesto europeo assieme alla Biblioteca Ambrosiana di Milano e alla Biblioteca Bodleiana di Oxford come uno dei primi esempi di biblioteca “pubblica” ed è ritenuta uno dei luoghi più autorevoli della cultura internazionale. Si trova in Piazza Sant’Agostino 8.La mostra, a ingresso libero, presso la Galleria Angelica sita in Piazza di S.Agostino 8, è visitabile dal 10 giugno fino al 15 luglio il lunedì e il venerdì dalle 9 alle 16.15 il martedì, il mercoledì e il giovedì dalle 9.00 alle 18.30

Palazzo Velli ExpoSituato nel cuore di Trastevere lo spazio espositivo è all’interno dello storico Palazzo trecentesco Velli con ingresso direttamente sulla centrale Piazza S. Egidio. La memoria dei locali medioevali si coniuga con tecnologie d’avanguardia che aprono le porte a linguaggi multidisciplinari. Il Palazzo è stato nuovamente confermato sede collaterale dell’esposizione.La mostra, a ingresso libero, presso il Palazzo sito in Piazza di S.Egidio 10, è visitabile dall'11 giugno al 20 giugno dal martedì alla domenica dalle 11 alle 19

da 04/06/21 a 27/06/21

Castello di Santa Severa

Dal 4 giugno una novità: inizia il ciclo "Armonie d'estate" presso il bellissimo Castello di Santa Severa. Un ciclo di concerti gratuiti con grandi artisti, vecchie conoscenze di Roma Tre Orchestra e nuovi incontri.Si inizia il 4 con il grandissimo Jacopo Taddei al sax per un omaggio ad Astor Piazzolla in occasione dei 100 anni dalla nascita:

Venerdì 4 giugno ore 20 Castello di Santa Severa Omaggio a Astor Piazzolla, in occasione dei 100 anni dalla nascitaJacopo Taddei, sassofonoAntonino Fiumara, pianoforte

Nello stesso fine settimana, altri due appuntamenti:

Sabato 5 giugno ore 17.30 Castello di Santa Severa D. Scarlatti: Sonata in sol maggiore K. 104 L. v. Beethoven: Sonata per pianoforte n. 23 in fa minore op. 57 "Appassionata"R. Schumann: Humoreske op. 20 Matteo Cabras, pianoforte

Sabato 5 giugno ore 20 Castello di Santa Severa Prima edizione di “Roma Tre Orchestra Sax Contest - premio nazionale per giovani sassofonisti” Concerto di Gala del  vincitore Musiche da definire

Venerdì 11 giugno 2021  ore 21 Castello di Santa SeveraC. Debussy, Images, seconda serieC. Chopin: Scherzo n. 3 in do diesis minore op. 39I. Albeniz: da “España”, EvocationR. Schumann, Kreisleriana op. 16Giulio Corrado, pianoforte

Domenica 13 giugno 2021 ore 18.30 Castello di Santa SeveraJ. P. Rameau: Gavotte avec Six DoublesG. F. Haendel: Suite in si bemolle maggiore  HWV 434F. Couperin: Les Dominos ou les Folies FrançaisesW. A. Mozart: 10 Variazioni su un tema di Gluck K. 455F. Chopin: Barcarola in fa diesis maggiore op. 60L. v. Beethoven: Sonata n. 21 in do maggiore op. 53 “Waldstein”Lorenzo Bovitutti, pianoforte

Lunedì 21 giugno ore 18.30 Castello di Santa SeveraS. Prokofiev - Y. Galanov: Suite nn. 1 - 2 dal balletto "Romeo e Giulietta"; Sonata n. 7 in si bemolle maggiore op. 83Yevgeni Galanov, pianoforte Lunedì 21 giugno  ore 21.00 Castello di Santa SeveraDimitri Shostakovich: continuità nella musica, responsabilità nella tirannide. La vita e l'opera analizzata da Piero RattalinoSonata per viola op. 147Lorenzo Rundo, viola Lidia Dottore, pianofortenarrazione di Valerio Vicari

Domenica 27 giugno ore 18.30 Castello di Santa SeveraF. Liszt: Les Jeux D'Eaux À La Villa D'Este J. Brahms: Variazioni su un tema di Paganini op. 35, Libri I e IIA. Scriabin: Sonata n. 9 op. 68I. Stravinsky -  G. Agosti: L’uccello di fuoco (versione per pianoforte solo)Lorenzo Bagnati, pianoforte

Fonte dati:www.r3o.org/it/2020-2021/stagione-2020-2021/page-37www.r3o.org/it/2020-2021/stagione-2020-2021/page-43www.r3o.org/it/2020-2021/stagione-2020-2021/page-49

da 21/05/21 a 27/06/21

Palazzo Merulana

“Shutdown”, prodotto e realizzato dall’Istituto Luce – Cinecittà: audiovideo della regista Serenella Scuri che narra lo sguardo e la realtà femminile durante la pandemia attraverso una selezione del materiale dell’archivio Storico dell’Istituto Luce – Cinecittà ed una selezione delle immagini della Call Life in the Time of Coronavirus provenienti da tutto il mondo.

“After 11/03”, audiovideo realizzato dal regista under35 Roberto Palattella per la Festa della Diplomazia di Roma in collaborazione con l’Unità di Crisi della Farnesina che narra i giorni in cui nel mondo si dichiara ufficialmente la pandemia.

Roma Fotografia”, videoinstallazione realizzata attraverso la selezione del Comitato Scientifico  della Call “Life in the TIme of Coronavirus” tra le oltre 10.000 immagini ricevute da tutto il mondo.

da 21/06/21 a 02/07/21

Palazzo Merulana

In occasione della mostra Women In Comics

Palazzo Merulana presenta

MUSEO&NUVOLE Campo estivo per bambinI dedicato alla narrazione attraverso il fumetto

Proposta didattica di CoopCulture per un’estate dal sapore nuovo e speciale, all’insegna del gioco e della formazione in sicurezza  Il summer camp si svolge nei giorni 21-25 giugno e 28-2 luglio dalle ore 9 alle ore 16 in occasione della mostra Women In Comics, che racconta la storia del fumetto americano attraverso le sue più importanti illustratrici. Insieme agli educatori, i piccoli partecipanti seguiranno un percorso educativo, artistico e laboratoriale stimolante, durante il quale le tavole protagoniste dell’esposizione saranno rielaborate creativamente in un fumetto collettivo insieme alle opere della Collezione Cerasi, fiore all’occhiello del Palazzo, realizzate dagli artisti appartenenti alla Scuola Romana e del Novecento italiano, come ad esempio capolavori di Giacomo Balla, Mario Sironi, Giorgio De Chirico, Antonio Donghi, Mario Mafai, Antonietta Raphaël e Giuseppe Capogrossi.

Programma settimanale:

Lunedìmattina: esplorazione delle e opere e degli artisti della Collezione Cerasi pomeriggio: Che cos'è un fumetto: il personaggio

Martedìmattina: esplorazione del Palatino alla ricerca delle storie degli imperatori romanipomeriggio: che cos'è un fumetto: la drammatizzazione

Mercoledìmattina: esplorazione della mostra Women in Comics alla scoperta delle eroine e delle protagoniste dei fumetti espostipomeriggio: che cos'è un fumetto: la costruzione delle parti

Giovedìmattina: esplorazione della mostra Raffaello e le grottesche presso la Domus Aurea alla ricerca delle storie degli artisti del Rinascimentopomeriggio: costruzione della storia e inizio della realizzazione delle tavole fumettistiche

VenerdìGiornata sarà dedicata alla costruzione del fumetto rilegato e di ogni singola tavola, incorniciata e presentata da chi l’ha realizzata in prima persona all'interno del percorso di mostra.

Maggiori info sul programma dettagliato sul sito ufficiale.

08/07/21

Arco di Costantino

Una occasione serale per visitare il sito antico più famoso al mondo e il silenzioso Colle del Celio, dove sorsero prima i giardini imperiali e poi conventi e chiese cristiane.La visita inizierà dall’Arco di Costantino, ultimo arco di trionfo eretto a Roma, per proseguire e soffermarsi sul Colosseo e sui recenti scavi ai piedi del colle Palatino.Dalla valle del Colosseo ci si incamminerà lungo la Via Claudia, dove ancora sono visibili le rovine del grande tempio dedicato al divo Claudio, per poi giungere, costeggiando l’acquedotto neroniano, alla piazza più suggestiva del rione dove sorge la chiesa dei S.S Giovanni e Paolo. Da qui si diparte il Clivo Scauro, una delle strade romane meglio conservate, che ci porterà infine nei pressi del Circo Massimo.

26/06/21

Mausoleo di Augusto

Dopo 14 anni di totale degrado secolare e chiusura al pubblico riapre un monumento chiave che narra il passaggio dalla Roma repubblicana a quella imperiale e, forse, anche l’esempio più eloquente del riuso, della reinterpretazione e della sua riscoperta. Si spiegherà questo sito con l’ausilio dei 3D e l’arricchimento di aneddoti e curiosità, passando dall’ingegneria all’archeoastronomia e dalla genealogia al gossip e altro.

26/06/21

Chiesa di San Francesco d'Assisi a Ripa

In prossimità dell’antico porto di Ripa Grande, lontano dalla “movida” di Trastevere, questa chiesa sorge sull’antico ospedale e ospizio (X sec.) dedicato a San Biagio, luogo di soggiorno di San Francesco d’Assisi nelle sue venute a Roma. Prima chiesa francescana di Roma e unico convento dove ha soggiornato il Santo d’Assisi, custodisce ancora oggi la cella dove dormiva, le sue memorie e le sue reliquie  che avremomodo di visitare accompagnati da un membro della comunità francescana. Oltre a questi tesori della fede, avremo modo di ammirare innumerevoli e inestimabili capolavori artistici : i dipinti di Salviati e Baciccia, architetture e tele di valenti artisti del Rinascimento e del Barocco, i quattrocenteschi affreschi del chiostro e un capolavoro del Bernini, la spettacolare “Estasi della Beata Ludovica” una delle estasi più conturbanti  della storia del barocco.L'incontro è condotto dalla Dott.ssa  Donatella Cerulli  - Storica e Studiosa di Tradizione Romana.